89 SECONDS AT ALCAZÁR (ATOMIZED) > preview Art+BlockChain > Festival Robotics

unnamed
Giovedì 28 novembre
alle ore 18, al DoubleRoom arti visive di Trieste, sarà possibile assistere in esclusiva alla proiezione del video “89 Seconds at Alcazár (atomized)” dell’artista americana Eve Sussman/Rufus Corporation, quale anteprima di Robotics, Festival di Arte e Robotica e altre tecnologie curato da Maria Campitelli e organizzato dal Gruppo78, la cui seconda edizione avrà luogo a Trieste nel 2020.
Tale anteprima si pone come primo evento di Art+BlockChain nell’ambito di un percorso svolto con la collaborazione di Demetrio Siragusa, che si svilupperà nel 2020 in concomitanza con la nuova edizione di ROBOTICS Festival di Arte e Robotica e altre tecnologie, organizzato dal Gruppo78: https://g78robotics.it

image
Eve Sussman, 89 seconds at Alcazár, video 360°, 9’44”, USA, 2007
L’opera video è un omaggio a Las Meninas di Diego Velázquez del 1656. Il video ripercorre i momenti immaginari/immaginati che precedono la realizzazione dell’opera, dal punto di vista privilegiato dell’occhio dell’artista americana. Girato in alta definizione con la tecnica del video a 360° e con il supporto di attori noti al grande pubblico, è sostanzialmente un’unica grande coreografia che vuole essere un omaggio/riflessione sull’opera di Velázquez lasciando spazio all’identità della Sussman, pur mantenendo
il rigore filologico dell’ambientazione e dei costumi.

Eve Sussman, 89 seconds at Alcazár (atomized), 2018
La versione “atomized” dell’opera della Sussman è uno dei primissimi esperimenti di “arte su blockchain” in cui un’opera prova ad aggiungere significante attraverso il mezzo con cui è veicolata. Il gruppo snark.art di Brooklyn, con cui la Sussman ha collaborato, si è occupato del processo di “atomizzazione”, cioè di “decentralizzazione” dell’opera, di divisione della stessa e di integrazione del sistema di gestione dei diritti all’interno della blockchain di ethereum. L’opera è stata suddivisa in 2,304 frammenti (“atoms”) quindi trasferita nel web decentralizzato attraverso la tecnologia IPFS, e infine collegati alla blockchain di ethereum in modo biunivoco.
La totalità dei 2,304 atom, esclusi 804 riservati all’artista, sono stati quindi venduti, generando un marketcap equivalente di $276,480. L’atto dell’atomizzazione, non è altro che un’altra emanazione del concetto di “tokenizzazione” permesso dalla tecnologia blockchain, i cui risvolti sono ancora da esplorare: dalla democratizzazione dell’opera d’arte, alla traslazione del concetto di possesso di un’opera d’arte nell’epoca del digitale, fino al problema non ancora irrisolto fra il medium e il messaggio.

DoubleRoom arti visive
via Canova 9, 34129 Trieste
lunedì > venerdì 17-19
349 1642362 – doubleroomtrieste@gmail.com
https://www.facebook.com/doubleroomtrieste

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...