SOFA CHATS after the border con Matija Debeljuh

DSC_2739 
Mercoledì 7 maggio
alle ore 18.30, DoubleRoom arti visive presenta un incontro di approfondimento sulla recente produzione del videomaker croato Matija Debeljuh proposto dal collettivo collaab.it nell’ambito della rassegna “SOFA CHATS videoarte da salotto”.L’appuntamento, che verrà riproposto su Radio Fragola la domenica successiva alle 11.30, intende analizzare il rapporto fra film sperimentali, videoarte e documentazione nelle arti visive, spaziando da esperimenti di videodanza, nell’ottica di una possibile restituzione video delle azioni compiute, a video che documentano complessi eventi espositivi, fino all’ultima videoinstallazione“La città d’acciaio” che verrà presentata per la prima volta in Italia a seguito dell’omonima personale a cura di Branka Benčić allestita alla Galleria Rigo di Cittanova. Le esperienze e i lavori di Debeljuh verranno così messi a confronto in un dialogo in bilico fra documentario, videoarte e film sperimentale.

05
Si partirà con la proiezione di “Contrada”, un corto sperimentale nato dalla collaborazione con la danzatrice contemporanea Roberta Milevoj; il film mette in relazione gli elementi della danza e del movimento con l’ambiente naturale, una foresta, che diventa la location perfetta di una nuova interpretazione del corpo restituito da una videocamera. L’attenzione è rivolta all’uomo e al suo rapporto con l’ambiente, e si concentra principalmente su una persona che affronta la vita che la circonda. Attraverso la danza, si esprime la necessità di una trama non lineare che affonda le sue radici nella natura, attraverso la quale trae il suo materiale coreografico nella direzione di una nuova forma espressiva di danza.

DSC_2792
Molto diverso è il video “After the border” che, con uno stratagemma quasi da fiction, documenta la mostra-evento “Triple Identity”, curata da Ludovico Pratesi e organizzata dall’Unione Italiana di Fiume e dall’Università Popolare di Trieste presso gli spazi del Museo d’Arte Contemporanea dell’Istria di Pola, in occasione dell’entrata della Croazia nell’Unione Europea. Attraverso la curiosità di una singolare spettatrice, Bojana Babajić, che si muove fra le sale del museo, Debeljuh racconta le installazioni site specific realizzate da Lara Favaretto, David Maljković e Tobias Putrih, tre eccellenze dell’arte contemporanea italiana, croata e slovena rappresentativi della triplice identità di cui l’Istria storicamente si compone, e accomunati da un’acuta e attenta speculazione sul proprio paese e, per questo, sulla propria identità territoriale.

Still frame_02_web
Si proietterà infine “La città d’acciaio”, video dal sapore documentaristico che ripercorre i ricordi d’infanzia dell’autore in visita alla città natale della madre, Zenica in Bosnia-Erzegovina, caratterizzata da un paesaggio industriale asfisiante. Su questo articolato lavoro, il critico Branka Benčićannota che:Matija Debeljuh combina l’interesse per il film sperimentale, la documentarietà e il linguaggio delle videoinstallazioni con lo scopo di presentare il paesaggio fisico e mentale come una meditazione sui resti del progresso e della dissoluzione. Il video sottolinea il rapporto tra il luogo e i documenti, si accosta al documentarismo poetico e tratta delle questioni del lavoro, sebbene non appartenga al genere, ossia alla forma, del film documentario. Oggi possiamo parlare della “svolta documentaria” nelle prassi artistiche contemporanee con cui gli artisti desiderano stabilire un rapporto specifico con le cose, ridefinendo il linguaggio visivo, l’estetica, la sperimentazione, mediante la rappresentazione delle realtà sociali e delle storie personali. Numerosi artisti visivi ricorrono ai metodi e agli strumenti della documentarietà, che sembra diventata il luogo di riferimento dell’arte contemporanea: la documentarietà diventa infatti lo strumento della mediazione dei rapporti con la realtà, ponendosi come un modo di interpretazione della realtà e del mondo circostante.”

Still frame_03_web
Matija Debeljuh, nato a Pola nel 1980, si è laureato all’Accademia d’Arte di Spalato specializzandosi in design delle comunicazioni visive con il prof. Vlado Zrnić. Ha esposto le sue opere in mostre personali e collettive in Croazia e all’estero, ha rappresentato il suo paese alla Biennale dei Giovani artisti europei e mediterranei, e ha partecipato a workshop in patria e all’estero, fra cui ricordiamo il Sarajevo Talent Campus, il progetto Sarajevo City Of Film e il Berlinale Talent Campus. I suoi video e film sperimentali sono stati presentati a diversi festival internazionali riportando premi e consenso di pubblico e critica.

06
L’evento dedicato ai video di Matija Debeljuh è il decimo appuntamento di “SOFA CHATS videoarte da salotto”, una serie di incontri di approfondimento sulla videoarte, realizzati in collaborazione con il collettivo collaab.it,che andranno in onda su Radio Fragola le domeniche successive alle 11.30 e che animeranno il DoubleRoom arti visive fino a giugno, spaziando dalla videoperformance alla videolografia, dalla videopoesia fino alla videointerattività, e si concluderà con l’ampia rassegna di videoarte curata da Maria Campitelli “SPIN_VIDEO videoarte messicana”, nell’ambito dell’articolato progetto espositivo “MEX PRO Mexico art project” del Gruppo78 International Contemporary Art.

Still frame_10_web
19 febbraio > 12 giugno 2014
SOFA CHATS
videoarte da salotto
anche domenica alle 11.30
in onda su Radio Fragola
FM 104.5-104.8

in collaborazione con
collaab.it
Gruppo78
Radio Fragola
https://www.facebook.com/doubleroomtrieste

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...